Dieci anni a Pompei e nella valle del Sarno

Dieci anni a Pompei e nella valle del Sarno

di Marisa Conticello De' Spagnolis

Marisa de' Spagnolis, per dieci anni responsabile dell'archeologia dell'Agro nocerino-sarnese ha raccontato in un libro dal titolo "Ricordi di archeologa" la sua esperienza di lavoro e di vita nella Valle del Sarno. Le scoperte archeologiche di cui è stata artefice sono state numerosissime: basti citare la necropoli monumentale di Pizzone a Nocera Superiore, le iscrizioni ebraiche e le tombe ellenistiche con il mito omerico di Dioniso ed i pirati tirreni, la tomba del calzolaio, sempre a Nocera Superiore, l'area archeologica di Piazza del Corso a Nocera Inferiore, le ville rustiche di Pagani, di Scafati (Villa Prete, Villa Vesuvio, Villa Cascone-Sorrentino, Villa della Cartucciera), strutture ellenistiche e tombe a Sarno, il tempietto di Angri, le necropoli protostoriche di S.Valentino Torio e S.Marzano sul Sarno (cinquecento tombe). A Pompei Marisa de' Spagnolis ha abitato all'interno dell'area archeologica ed è stata testimone delle scoperte archeologiche lì avvenute nell'arco di un decennio.

Viene raccontata, in maniera semplice ed accessibile a tutti, la storia dei rinvenimenti archeologici che, pertanto, si arricchiscono di particolari inediti, episodi sconosciuti, curiosità, ricordi di persone che hanno dato il loro contribuito alla salvaguardia del patrimonio archeologico della Valle del Sarno.