Orestea: Agamennone-Coefore-Eumenidi. Testo greco a fronte. Ediz. illustrata

Orestea: Agamennone-Coefore-Eumenidi. Testo greco a fronte. Ediz. illustrata

di Eschilo

L'"Orestea", scrive Savino nella sua nota storica, è "un indimenticabile pezzo di maestria teatrale". Il fasto architettonico della scena e la sua ricchezza di suggestioni; il saggio impiego dell'ambiguità, in un dramma di nascosti rancori e sospirate vendette; la lingua poetica che non parla, ma che scolpisce e dipinge, evoca spazi e solitudini immense, addensa emozioni e sentimenti contrastanti; la variazione sapiente del ritmo e l'uso della "suspense", che inceppa l'azione sospesa sull'orlo del gesto, quadro plastico d'orrore teso: ecco gli elementi di questa "maestria". La volontà degli eroi di Eschilo è un rovello interiore, non più un dio che dall'esterno guida e sospinge. Il dovere di scegliere è il polo tragico del suo teatro: colpire o ritrarsi? Soffocare o sciogliere la guerra interiore che ci strazia? Introduzione di Umberto Albini.