Come il fiume va al mare

Come il fiume va al mare

di Roberto Gislon

Lucia Martini, donna straordinaria e volitiva, nata in un paesino veneto nella metà dell'Ottocento, giovanissima affronta il suo viaggio di redenzione alla volta della grande Venezia. Dopo aver perso precocemente l'amore di Simone, un giovane mandriano d'alberi, immagina che la vita possa riservarle ancora poco o niente, ma è ugualmente desiderosa di lasciare Longarone, dove non ci sono prospettive economiche allettanti e dove restano solo i ricordi e il lutto. A una donna, del resto, non spetta che seguire la volontà del padre e prender per marito il primo che trova di una qualche convenienza sposarla. Venezia invece è grande e sempre in fermento, e il cuore di Lucia non è da meno. Sulla sua strada, il destino metterà uomini e donne di buona volontà, che faranno la sua felicità e la sua fortuna, ma un altro dramma la attende, come l'attendono anche l'amore vero e il riscatto, la passione travolgente e la straordinaria risalita dal dolore alla luce.