Matrimonio e misericordia. Divorzio, nuove nozze e prassi della Chiesa

Matrimonio e misericordia. Divorzio, nuove nozze e prassi della Chiesa

di Giovanni Cereti

Nella Chiesa dei primi secoli, il marito di una donna infedele aveva la possibilità di ripudiarla - l'adulterio poneva fine al matrimonio in maniera irreversibile - e di vivere una nuova unione.

In tutti gli altri casi, gli "adulteri" venivano sottoposti a una penitenza pubblica e ammessi alla riconciliazione e all'eucaristia dopo un certo periodo di tempo. Sulla base della testimonianza di Cipriano, intorno alla metà del III secolo esistevano due orientamenti: uno più rigorista, che si esprimeva soprattutto nelle comunità eretiche o scismatiche ed escludeva in alcuni casi la possibilità della riconciliazione, e uno più misericordioso, che riconosceva alla Chiesa la possibilità di rimettere tutti i peccati, anche i più gravi. Conoscere la prassi antica, indicata dal concilio di Nicea, consente di prefigurare anche per la Chiesa cattolica un nuovo approccio al problema del divorzio e del nuovo matrimonio, passando dall'attuale sistema giuridico a un più evangelico sistema penitenziale, come avviene da sempre nelle comunità cristiane d'Oriente.