Faust!

Faust!

di Carlo D'Urso

Nato da chissà quale cronaca o leggenda, Faust aveva stabilito finalmente un dialogo tra Uomo e Satana. Egli mosse i suoi primi passi nel mondo grazie alla poesia di Marlowe e soprattutto con Goethe. Poi l'uomo calpestò le religioni e, non potendo più invocare nessuna potenza celeste o infernale, cominciò a maledire se stesso.

Oggi, Faust ha gli stessi dubbi, la stessa crisi e non riesce a colmare il vuoto della sua anima accumulato nei secoli.

Questa è la storia di Faust.

Semplice e atroce come un dubbio, come una vita.