I martiri di Roma

I martiri di Roma

di Agostino Amore

Nel 1975 usciva l'opera di Agostino Amore dedicata ai martiri di Roma, per le Edizioni Antonianum, nell'ambito della collana Spicilegium Pontificii Athenaei Antoniani.

Quel volume, tanto sobrio quanto limpido nella struttura e nel linguaggio, sarebbe divenuto libro di testo e riferimento bibliografico imprescindibile per tutti coloro che avessero voluto, per diversi motivi, accostarsi alle questioni agiografiche, storiche e archeologiche della Roma cristiana dei primi secoli, tanto che ancora, ad oltre trent'anni da quell'edizione, esso resta un testo frequentato, citato, comunque continuamente consultato. Ebbene, è parso opportuno ritornare su quell'opera, tanto considerata dagli studiosi, dagli studenti e da tutti coloro che desideravano approfondire le questioni legate alle figure dei martiri romani, dopo aver consultato rapidamente le enciclopedie e i lessici classici, per avere un'idea più attendibile e scientificamente più affidabile di tutti i problemi sorti, nei secoli, attorno alle persone dei martiri dell'Urbe, alle loro sepolture, al loro culto, ai testi, ai documenti e ai monumenti sorti attorno a quegli "uomini santi". Alessandro Bonfiglio ha dedicato molto tempo e attenzione ad un testo; è entrato "in punta di piedi", con grande rispetto nei confronti dell'agiografo, riconoscendo tutti i meriti di chi, per primo, ha avuto il coraggio di far dialogare i monumenti e i documenti.

Il suo aggiornamento assume il ruolo e l'aspetto di un'edizione critica.