Il perdono della luna. Poesie 1906-1919. Testo ungherese a fronte

Il perdono della luna. Poesie 1906-1919. Testo ungherese a fronte

di Endre Ady

Da più di mezzo secolo mancava, in Italia, un’antologia delle opere poetiche di Endre Ady. “Com’è fredda questa capanna di terra.

Com’è eroico l’essere umano, se con ideali e sogni bruciati oggi, ancora, non vuole morire” Questa raccolta, che spazia dai versi apparsi nei primi volumi fino ad alcune poesie pubblicate postume, vuole riparare una lacuna.

Penalizzata dalla particolarità della lingua ungherese e dall’eccentricità metrica dei suoi versi, la poesia di Ady merita invece di essere considerata da vicino. In primo luogo perché, dando voce profetica alle tensioni e ai conflitti della storia, fa vibrare anche quelli del nostro tempo; e poi perché scava nelle lacerazioni, nelle dissonanze, nel dolore che pare imprigionare la vita individuale, con una nostalgia straziata di esistenza piena. L’attenzione alle pulsazioni brevi, agli esigui splendori del vivente così come ai sussulti della storia lo fa voce anche di questo nostro tempo ansioso e per i nostri cuori inquieti.